A PALERMO IL NUOVO MERCATO BIOLOGICO ONLINE DOVE ACQUISTARE PRODOTTI ARTIGIANALI A FILIERA CORTA

Caronia Giovanni

Sono Giovanni Caronia; sino al ’94 facevo l’insegnante di matematica e scienze, poi, dopo venti anni d’insegnamento, ho scelto di cambiare passione e ho cominciato a fare, a tempo pieno, quello che per dieci anni era rimasto un hobby: l’apicoltore. Allevo api, produco sciami, miele, propoli grezza e pappa reale. Sin dall’inizio ho seguito i protocolli dell’apicoltura biologica, ma solo quest’anno ho iniziato il percorso per la certificazione. Quasi tutte le mie postazioni d’api sono all’interno di aziende biologiche, parchi naturali o campi abbandonati, insomma in ambienti sicuramente sani. Tutti i mieli che produco sono analizzati, per la composizione pollinica e le caratteristiche organolettiche, presso l’istituto Fojanini di Sondrio; ciò mi consente di garantire la corrispondenza tra quanto scritto in etichetta e il contenuto del vaso di miele. Questa procedura, che potrebbe sembrare scontata, in realtà è assai poco diffusa tra gli apicoltori cosicché la corrispondenza di cui sopra è spesso più una speranza che una certezza. L’analisi dei mieli ha tolto a me, come agli altri apicoltori che hanno scelto questa pratica, l’illusione che il miele, anche se prodotto in presenza dominante di una certa fioritura, sia automaticamente un miele uniflorale: infatti, per esempio, anche se attorno c’è tanta sulla, basta la presenza di un po’ di cardo o una precedente fioritura di rucola perché quel miele non sia più uniflorale; né è sufficiente essere in mezzo agli agrumi per avere un miele di agrumi se, contemporaneamente nei pressi, sta fiorendo la sideritys, la ginestra spinosa o la sophora japonica. Ma insieme alla presa di coscienza della difficoltà a produrre veri monoflora è venuta la scoperta della grande varietà dei mieli millefiori; varietà nei colori, profumi, aromi, spesso evidenti, immediatamente percepite, altre volte nascoste ai più, e che solo una degustazione attenta ed educata permette di svelare. Di queste conoscenze ho voluto rendere partecipi i consumatori; così, ogni anno, scelgo, tra i tanti millefiori che produco, quelli che ritengo più interessanti per qualche proprietà organolettica. La descrizione organolettica la riporto in etichetta, evidenziando al contempo le combinazioni di nettari che generano quelle caratteristiche. Ancora in etichetta traccio tutto il percorso di quel miele indicando da quale territorio proviene, quando è stato raccolto ed estratto, quando è stato confezionato. Non manca, ovviamente la data di scadenza consigliata, indicata sempre entro i due anni affinché i consumatori rinuncino, oltre quel periodo, ad un prodotto che, sebbene sempre perfettamente commestibile, ha perso le migliori caratteristiche organolettiche e parte delle proprietà nutrizionali. Commercializzo solo i mieli di mia produzione; questo mi penalizza nella varietà delle referenze ma mi dà la certezza dell’assoluta qualità del prodotto.
Caronia Giovanni
corso Calatafimi, 1041, Palermo, 90131
RICHIEDI INFORMAZIONI SUL PRODUTTORE