A PALERMO IL NUOVO MERCATO BIOLOGICO ONLINE DOVE ACQUISTARE PRODOTTI ARTIGIANALI A FILIERA CORTA

L’agricoltura è sociale (Altreconomia 2017)

Qbio è una delle "tre storie di terre solidali" narrate nel libro "L’agricoltura è sociale", curato da Roberto Brioschi per le edizioni di Altreconomia. Dalla organizzazione del Barattolo, primo mercato biologico e artigianale che valorizzava il rapporto diretto fra produttori e consumatori, fino alla inaugurazione della bottega di via Camillo Randazzo 28 e, insieme a questa, del portale e della App del biologico siciliano, la vicenda degli animatori di Qbio è ricondotta, con grande e manifesta ammirazione da parte dell'autore, alla genesi di una "nuova Palermo" fondata sulla cooperazione felice, sulla sperimentazione e sull'incontro.
"Qbio è una filiera corta, senza intermediari", si legge nella parte conclusiva. "Una stazione da cui andare in campagna a ri-conoscere la terra, a capire come si produce e si mangia il cibo dell’Uomo; gli agricoltori rispiegano le antiche tecniche di trasformazione e conservazione del cibo locale [...], ti fanno mettere le mani nella terra [...]. La biodiversità dei saperi e dei sapori insegna al cittadino una superiore e consapevole qualità della vita. Qbio è spazio cooperativo a misura d’uomo, per informarsi, conoscere; ove i bimbi possono giocare; puoi leggere e se non hai i soldi per il libro di Altreconomia te lo prestano ma puoi anche lasciare il tuo libro usato nella cassetta del Book Crossing. È un mercato di scambio ove si rimette in gioco la cultura, la si fa circolare e comperi solo quello che ti serve quando ti serve. Non c’è tempo per la fretta nella bio community. Si organizzano anche le presentazioni dei libri, sfilano le nuove creazioni del riciclo, gli abiti con i tessuti naturali, gli artigiani con le antiche tecniche: è una grande piazza". Una piazza dove grandi e piccoli amanti della filiera corta, del buon cibo e della natura hanno imparato a conoscersi e a riconoscere, in essa, la "casa" della nostra (vostra) community del biologico.

Il libro:

L’agricoltura è sociale. Le radici nel cielo: fattorie sociali e nuove culture contadine
a cura di Roberto Brioschi | ISBN 9788865162279 | 160 pagine

Un viaggio inedito nell’agricoltura sociale in italia
Una guida all’agricoltura sociale in Italia e alle sue storie. L’agricoltura è un’esperienza non solo produttiva ma sociale, nata per "generare comunità" quando l’umanità diventa stanziale, da nomade che era. Oggi è “agricoltura sociale” non solo la fattoria dove lavora chi ha abilità differenti, la cooperativa che semina all’interno delle mura del carcere o l’impresa di migranti emancipati dal caporalato. È agricoltura sociale ogni filiera che porta dal campo alla tavola senza veleni e senza sfruttamento: sia essa biologica, biodinamica, equosolidale o da terreni confiscati alle mafie.
È agricoltura sociale la mano contadina che custodisce la biodiversità, la mente e la voce che porta nei teatri un discorso ben dissodato, l’amministratore che cura e preserva il territorio agricolo. È agricoltura sociale la resistenza di chi occupa le terre incolte pubbliche o private, i progetti di Community supported agricolture tra città e campagna, le filiere minime dei Gas, le aziende che scelgono la “piccola distribuzione”. Questo libro racconta dunque – attraverso le parole di studiosi, attivisti della terra, teatranti e contadini – un modello economico e culturale innovativo, che restituisce felicità, o almeno un senso proprio, all’esistenza. Perché la terra non discrimina mai: concede i suoi frutti a chi si prenda cura di lei.